Queimada: Il culto dell’agua ardiente in Galizia

Il culto e la storia di una bevanda tradizionale in Galizia

Recipiente per fare la Queimada
Recipiente per fare la Queimada

Durante  il Cammino di Santiago a molti pellegrini sarà capitato di assistere al rito della preparazione della “Queimada” durante il loro pellegrinare nelle terre galiziane.

La prima volta che ho visto il rito della preparazione della “Queimada” è stato in una località periferica della città di Santiago de Compostela, in una specie di agriturismo, dove si esibivano dei bravi suonatori di gaite galiziane.

Il luogo dove si esibivano i gaiteros (suonatori di cornamuse galiziane)  era molto caratteristico: sembrava la casa nel bosco delle fiabe di Hänsel e Gretel nel racconto dei fratelli Grimm.

In Galizia ogni momento è giusto per prepare una Queimada anche se assistere alla preparazione della Queimada durante la sera del solstizio dell’estate e della festa di San Xoán (San Giovanni), il 24 di giugno, ed assistere ai festeggiamenti, ai fuochi pirotecnici ed ai falò di questi due eventi sulle spiagge galiziane sono momenti da ricordare per moltissimo tempo.

Il 14 agosto del 2018 una delle più grandi “Queimadas” della Galizia  è stata creata con 1.500 litri di agua ardiente (grappa galiziana) nel comune di Portonovo (Pontevedra) a ritmo di gaitas (le cornamuse galiziane) ed alla presenza di più di tremila persone durante le celebrazioni della festa di San Rocco.



ORIGINI STORICHE DELLA QUEIMADA

Le origini certe della Queimada sono sconosciute.

Erroneamente viene attribuita ai Celti la creazione della Queimada.

Purtroppo le popolazioni celtiche della Galizia non potevano conoscere l’arte della distillazione dell’ “agua ardiente” (in italiano grappa) che è la materia prima utilizzata per realizzare la Queimada però conoscevano l’arte della fermentazione e creavano l’idromele o bevanda degli dei.

L’idromele era una bevanda di tipo alcolico che si ricavava dalla fermentazione del miele e che veniva considerata nella cultura norrena (scandinava vichinga) come la bevanda preferita e consumata dai re, dagli dei,  dal dio Odino e da molte altre creature mitologiche.

La Queimada storicamente veniva creata e consumata fra tutti i commensali per scacciare le paure delle streghe e cacciare le streghe (o meigas in galiziano).

Per cacciare le streghe con la Queimada occorreva seguire un rituale pagano, oggi diventato tradizionale e sociale, da celebrare in lingua galiziana che richiamava nel rito i quattro elementi tradizionali:

  • il fuoco;
  • la terra;
  • l’aria;
  • l’acqua.

Le origini accertate della Queimada sono da ricercarsi in epoca medievale, intorno ai secoli XII e XIII, grazie all’utilizzo dell’alambicco, strumento indispensabile per la distillazione della grappa in Galizia, e l’introduzione dello zucchero ad opera degli arabi nella penisola Iberica.

Occorre ricordare che uno degli elementi fondamentali per fare la Queimada, vale a dire, la grappa artigianale è stata utilizzata per molto tempo presso le popolazioni rurali della Galizia come  medicina per curare alcune malattie dell’apparato respiratorio.

 

LA RICETTA DELLA QUEIMADA GALIZIANA

Recipiente per fare la Queimada

Queimada galiziana

Per poter preparare la Queimada, bevanda alcolica della tradizione galiziana, occorre essere muniti del famoso contenitore in terracotta resistente al calore e di un grande cucchiaio o mestolo per poter mescolare gli ingredienti mentre le fiamme consumano l'alcool e sciolgono lo zucchero.
Inoltre bisogna avere a disposizione dei vasetti in terracotta tipici della Queimada o dei contenitori idonei ad essere utilizzati per poter servire calda la bevanda realizzata.
Portata Drinks

Ingredienti
  

  • 1 litro di grappa
  • 200 grammi di zucchero
  • 1 buccia di un limone o una buccia di un'arancia tagliata a strisce
  • 1 pugno di chicchi interi di caffè

Istruzioni
 

  • Mettete una ciotola capiente di terracotta per fare la Queimada o un recipiente simile che resiste al calore su un tavolo;
  • Procuratevi un mestolo di terracotta o di materiale che resista al calore per utilizzarlo per mescolare la grappa per preparare la Queimada.
  • Mettete tutti gli ingredienti per fare la Queimada sul tavolo per poterli utilizzare;
  • Versate nel recipiente per fare la Queimada un litro di grappa e 170 grammi di zucchero;
  • Conserviamo 30 grammi di zucchero che ci rimangono per utilizzarli in seguito;
  • Mettiamo ed immergiamo nel recipiente della Queimada, dove abbiamo messo i 170 grammi di zucchero ed il litro di grappa, la buccia del limone o dell'arancia che abbiamo tagliato a strisce.
  • Ora utilizziamo il mestolo di terracotta della Queimada e con esso prendiamo dalla ciotola un poco di grappa.
  • Nella coppa del mestolo della Queimada pieno di grappa versiamo i 30 grammi di zucchero che abbiamo messo da parte e con un accendino diamo fuoco alla grappa presente nel mestolo.
  • Quando la grappa presente nel mestolo della Queimada ha preso fuoco avviciniamo il mestolo al recipiente in terracotta che contiene la grappa e facciamo cadere la grappa con le fiamme del mestolo nell'altra grappa presente nel contenitore.
  • A questo punto tutta la grappa del contenitore in terracotta della Queimada dovrebbe essere fiammeggiante.
  • Ora la persona esperta solleva la coppa del mestolo della Queimada e fa ricadere la grappa calda dal mestolo nel contenitore più volte facendo attenzione a non bruciarsi seguendo il rito della Queimada con maestrìa e bravura.
  • Dopo tre o più colpi esperti di mestolo con prelievi di grappa e fiamme e ricadute nel contenitore occorre riporre il mestolo vuoto in posizione sicura e aggiungere alla Queimada il pugno di chicchi di caffè.
  • Ora facendo attenzione a non scottarci, dobbiamo continuare a girare la grappa con le fiamme nel contenitore della Queimada.
  • Il tempo per terminare il rito è personale. Ricordiamoci però che più aspettiamo e più rigiriamo la Queimada più riduciamo il contenuto alcolico della bevanda poiché l'alcol viene consumato con le fiamme.
  • Quando abbiamo deciso di fermarci, procuriamoci un coperchio per spegnere le fiamme della Queimada e serviamo.
  • Mi raccomando servite la Queimada ancora calda ai vostri amici nei contenitori in terracotta tradizionali o in recipienti simili che siano resistenti al calore.
    Buona degustazione.

Note

Questa bevanda essendo alcolica può essere servita solo a persone che hanno superato i 18 anni di età.
Vi consigliamo di non preparare la bevanda in un luogo chiuso se non l'avete mai vista preparare o non avete l'esperienza necessaria alla sua preparazione e vi chiediamo di fare molta attenzione quando la preparate perché nella fase di preparazione si formano fiamme e di conseguenza vi consigliamo di operare in maniera consapevole e di munirvi di tutte le cautele necessarie.
Vi raccomandiamo un consumo moderato della bevanda poiché trattasi di bevanda alcolica.
Keyword bevanda alcolica galizia, Bevanda della Galizia, Bevanda medievale, Che cosa serve per preparare la Queimada, Come preparare la Queimada, Grappa in Galizia, Grappa in Spagna, Ingredienti Queimada, queimada, queimada galizia, Ricetta Queimada, Ricetta tradizionale Queimada